Alleanza Cooperative Italiane
 

Emil Banca: sì alla fusione da 6mila soci, nasce seconda più grande Bcc

L’operazione, tra le più rilevanti mai realizzate nel mondo del credito cooperativo italiano, dà vita a una nuova banca di credito cooperativo che potrà contare su 44 mila soci, 700 dipendenti e una rete di 84 filiali tra Modena, Ferrara e Parma, Reggio Emilia, Bologna e Mantova

Categorie: Federazioni, Territorio

Emil Banca: sì alla fusione da 6mila soci, nasce seconda più grande Bcc

Via libera dai soci di Emil Banca e di Banco Coooperativo Emiliano al progetto di aggregazione delle due Bcc. L’operazione, tra le più rilevanti mai realizzate nel mondo del credito cooperativo italiano, dà vita a una nuova banca di credito cooperativo che manterrà il nome di Emil Banca e che dal prossimo 1° aprile opererà con 84 filiali: cinque a Modena, Ferrara e Parma, 27 a Reggio, 40 a Bologna, due nel Mantovano.

Le assemblee dei soci sono state molto partecipate, dato che sottolinea la straordinarietà di questa operazione voluta per riportare solidità nei conti del Banco Cooperativo Emiliano e sostenuta anche dal fondo temporaneo del credito cooperativo.

Sono stati oltre 3.500 i soci Emil Banca che, accorsi al palazzo dello Sport di Casalecchio per assistere all’ultima assemblea della vecchia Emil Banca, hanno votato praticamente all’unanimità (i voti contrari sono stati solo due) per l’integrazione con Reggio Emilia.

Circa 2.800 soci del Banco Cooperativo Emiliano si sono, invece, ritrovati alle Fiere di Reggio Emilia, dove la la fusione è stata approvata con 17 voti contrari e 11 astenuti.

"Incassiamo con soddisfazione l’ennesima fiducia dei nostri soci e ora ci mettiamo al lavoro per completare il percorso che, dal 1° aprile, vedrà la nascita ufficiale di una delle più importanti banche di credito cooperative d’Italia- sottolinea il presidente di Emil Banca Giulio Magagni, designato a guidare anche la nuova Bcc, che avrà 44 mila soci e 700 dipendenti, opererà su un territorio di competenza che si estende su oltre il 68% del territorio regionale, comprende 3 milioni di abitanti, oltre 300 mila imprese registrate e 1,3 milioni di occupati. 

"Non è la dimensione a determinare l’attenzione locale, ma la strategia - assicura il direttore generale di Emil Banca Daniele Ravaglia (confermato dg anche della futura bcc), che ribadisce come questo passaggio storico non intaccherà il modo differente di fare banca caratteristico delle banche di credito cooperativo.

"In continuità con l’operato dei due istituti di credito l’attività della nuova Emil Banca continuerà a puntare sulla conoscenza del cliente, sulle relazioni e sulle persone garantendo che, in collaborazione con gli enti locali e l’associazionismo, - conclude Ravaglia - continueremo a essere motore dello sviluppo economico, sociale e culturale dei nostri territori".

Il consiglio d’amministrazione della nuova banca (che sarà eletto nella prima assemblea generale dei soci in calendario per fine aprile) sarà formato da otto consiglieri indicati da Emil Banca, cui va anche la presidenza, e dai cinque indicati da Banco Emiliano.

"Quella che nascerà ad aprile sarà una banca solida, efficiente e in grado di rispondere alle sempre più complesse regole che governano il nostro settore - aggiunge Magagni - Una banca in grado di essere capofila nell’epocale processo di riforma che sta cambiando volto al mondo del credito cooperativo italiano. Ringrazio il presidente uscente di Banco Cooperativo Emiliano Giuseppe Alai per il prezioso lavoro svolto anche in questa delicata di fase passaggio e che – conclude il presidente di Emil Banca – ha deciso di passare la mano dopo tanti anni all’interno del credito cooperativo".

 

I commenti sono visibili solo agli iscritti.